Storia di Scorrano

Storia di Scorrano

Storia di Scorrano

Scorrano, con una popolazione di circa 8.000 abitanti, è una cittadina dell’entroterra salentino.

La sua origine romana è sempre stata accettata e mai messa in dubbio: si crede, infatti, che Marco Emilio Scauro, Console romano, abbia fondato Scorrano, un’affermazione che si fonda su elementi non tutti sufficientemente probanti sul piano scientifico.

I riferimenti toponomastici e religiosi, invece, raffrontati a quelli archeologici, farebbero ritenere più plausibile un’ origine bizantina.

Al pari di altre terre e casali, comunque, il fu concesso come bottino di guerra ai partigiani di Carlo D’ Angiò.

Alla fine del secolo XVI risulta proprietà dei De Balzo e subito dopo dei Maramonte; il 18 agosto 1686 è acquistato per 22.000 ducati dalla famiglia Frisari che lo terrà dal 1725 col titolo ducale.

La sua vicenda storica fu caratterizzata da un vivo interesse sia da parte alcune grandi famiglie feudali sia dalla stessa corona napoletana. Partecipò alla guerra otrantina e ne rimase oltraggiato, subendo un assalto turco. Nei secoli seguenti, la sua storia è caratterizzata da avvenimenti di interesse interno, il maggiore dei quali consiste nel progressivo mutamento dell’aspetto urbano, il quale renderà Scorrano uno dei centri abitati più interessanti di tutto il Salento sia per l’impianto urbanistico rimasto medievale, che per l’ aspetto architettonico.